Un nuovo Chopsticks apre a Roma

Chopsticks in via Portuense a Roma è uno di quei ristoranti cinogiapponesi All you can eat ma rispetto agli altri ha qualcosa in più. 
Non solo per la sezione dei crudi di mare presente nel menù ma perché servono il churrasco brasiliano.
Il locale è elegante e spaziosissimo, con i tetti a volta in mattoncini rossi, le pareti bianche marmoree, una moderna illuminazione ed il divano in ecopelle rossa che corre lungo tutte le pareti della sala.
I tavoli sono disposti in maniera da la sciare il giusto spazio ai commensali e sono elegantemente imbanditi con eleganti tovaglie bege e posate e piatti altrettanto moderni ed eleganti.

Non c'è il solito buffet centrale con le pietanze già pronte dal quale raccattare piatti pieni di cibo misto ma stando cibo a caso per creare piatti in stile montagna, qui comodamene seduti al tavolo potete ordinare quello che vi pare ed i tantissimi camerieri presenti vi serviranno.


Prima ancora che riuscissimo ad ordinare le nostre portare, un brasiliano con un pezzo di manzo infilato in una spada è arrivato al tavolo e ci ha tagliato delle  fettine meravigliose, croccanti fuori e tenere ed al sangue all'interno.


Ho voluto cominciare l'ordine con i crudi di scampi, il sashimi misto ed un po' di sushi mentre nel frattempo il churraschiere ci offriva delle ottime salsiccette di maiale, un pezzetto di agnello ed un altra ottima fettina di carne.


Gli scampi crudi erano molto buoni e freschi, il sashimi discreto, servito con una composizione floreale che occupava mezzo tavolo.


Anche il tonno ed il salmone scottati con il sesamo in padella sono davvero ottimi, teneri dentro e croccanti all’esterno, servito con una buona salsa agropiccante.


Tanto per non farci mancare niente abbiamo ordinato anche due rotoli di hosomaki che si sono rivelati discreti, il riso ben cotto e non molle ed un leggero retrogusto di aceto di riso dolciastro li rendeva interessanti.

Per accompagnare il sushi abbiamo chiesto due zuppe di miso e queste sono state l’unica nota negativa della serata, io non sono riuscito a mangiarla perché aveva un sapore troppo strano, eppure il miso è semplice si può comprare in pasta già pronta con il brodo dashi già incluso, in quel caso va solo sciolta in acqua calda con alghe ed il gioco è fatto, spero lo miglioreranno.


Prima del piatto finale abbiamo pensato ad un po’ di tenpura, una mista verdura e gamberi, ed una di calamari che si sono rivelati essere anelli giganti. Entrambe le fritture erano croccanti ed asciutte, e la pastella usata era buona.


Per concludere la cena abbiamo preso una grigliata mista di pesce, con scampi, gamberi e seppioline e poi abbiamo chiesto il conto.


Nel frattempo però il brasiliano ci ha chiesto se gradivamo altra carne, così ci siamo lasciati tentare ed abbiamo approfittato di altre due fettine di ottimo manzo tagliato al momento.


Prima del conto il brasiliano è passato con un ananas grigliata e caramellata con zucchero e cannella, una vera delizia che è stata un ottimo sostituto del dolce finale.

Il conto è stato di 25€ in due, perché fino al 27 del mese, l’offerta apertura del nuovo punto vendita, sconta il prezzo del 50%, dopo tale data il costo sarà di 25€ a persona, che tutto sommato non è una grande cifra per un ristorante in cui si può mangiare senza sosta.










Facebook comments

Post più popolari